Descrizione delle opere:


Premessa: le vernici o i prodotti utilizzati per proteggere i materiali e il legno sono naturali o prodotti dalla linea Solas, www.vernicinaturali.it
 

 

1) Il male
Descrizione: una forca, a tre denti, un fondello di ferro di non chiara provenienza, trovato nel fiume Isonzo, due chiodi, un cardine. In breve ha assunto un tono minaccioso. Se c’è il bene, purtroppo, c’è anche chi è aggressivo e incede sicuro.

Per vincere il male bisogna attraversarlo e non girarsi spaventati e scappare.

Materiali utilizzati: ferro, legno.
Dimensioni: H 40 cm - base 18 cm
Anno: 2010

2) Andare in pace
Descrizione: una forca a tre denti, ma nella sua storia ne aveva perso

uno e così fu messa da parte.
Trovata ai margini di una casa diroccata e, giocando con essa con un paio di chiodi in ferro battuto, ha regalato fin da subito un senso di pace e tranquillità.

Io l’ho solo fermata e lasciata così com’era, facendogli fare il primo passo.
Materiali utilizzati: Ferro, legno.
Dimensioni: H 40 cm -base 18 cm
Anno: 2010

3) Bucranio
Descrizione: e’, probabilmente, parte di una teleferica o di un ponte, della Prima Guerra Mondiale. E' rimasta per tanti anni sul greto dell’Isonzo, saldata a piombo fuso su di una pietra d'Istria di diversi quintali.

Sembrava inamovibile ma con l’aiuto del mio amico Matteo, diversi tentativi e un pò di fortuna, siamo riusciti a staccarla. L’acqua si sa, ha pazienza e non ha le corna e così l’ha levigata come meglio non si può. Gli occhi sono mobili, le corna le ho aggiunte io. E’ sicuramente una mucca.
Materiali utilizzati: ferro, legno, rame.
Dimensioni: H 35 cm - base: a seconda dell’utilizzo.
Anno: 2010

4) Circolarità
Descrizione: la ricerca della forma pura del cerchio e della semplicità ha generato una serie di studi e questo è una realizzazione utilizzando del vecchio filo di ferro e un sasso dell’Isonzo con delle particolari venature che, dopo tanto rotolare ha trovato un posto dove stare. Trattata con olio di lino.
Materiali utilizzati: ferro, pietra, legno.
Dimensioni: H 60 cm - base 60 cm
Anno 2010

5) Distacco materiale
Descrizione: una lamiera trovata lungo una recinzione già riciclata come tappabuchi, sottratta al suo destino da arrugginita, pulita e fatti una serie di tagli e sovrapposizioni ha evidenziato un distacco da forme ruvide verso una forma più lineare e pulita. Saldata alla base di trachite con piombo fuso recuperato da vecchi scarichi. E’ uguale nella parte retrostante.
Materiali utilizzati: ferro, pietra trachite.
Dimensioni H 60 cm - base 30 cm
Anno: 2010

6) Granata con elmetto
Descrizione: lungo le rive del fiume Isonzo si trovano questi oggetti risalenti la Prima Guerra Mondiale. Il loro peso, le loro forme, sono drammatiche e chiedono pietà e molti perchè.
L’esplosione che ha divelto il ferro di questa granata di medio calibro è sconvolgente e il pensiero che può aver ucciso o straziato, balza subito alla mente. La nazionalità dell’elmetto è casuale, come il destino.
L’elmetto è girevole e, sopra di esso, c’è un anello per poterla eventualmente svitare dalla base e appenderla
Materiali utilizzati: ferro.
Dimensioni: H 40 cm - base 27 cm
Anno 2010

7) Il noce
Descrizione: il tronco del noce ha un aspetto curioso: dove si staccano i rami si formano col tempo degli occhi tristissimi ed espressivi. Per una serie di motivi dovevo tagliare quel piccolo noce. Ho avuto non pochi problemi e pensavo come fare per dare un senso a quel taglio e a quegli occhi che mi osservavano seri da tutte le angolazioni. Una parte l’ho bruciato e mi ha scaldato in un freddo inverno e un pezzo invece, l’ho utilizzato ed ora è qui. Spero, di aver capito bene chi è rilevando i suoi occhi e addobbandolo con cerniere di ferro, ottone e altri oggetti, che ricordano le virtù di questo nobile legno nella falegnameria.
Materiali utilizzati: legno di noce, legno, cerniere in ottone, ferro, chiodi in ferro battuto, trattato con olio di lino cotto.
Dimensioni: H 100cm - base 30 cm
Anno: 2010

8) Il pianto del ferro
Descrizione: un pezzo di ferro circolare proveniente da un laboratorio di un fabbro, delle schegge di granata, italiana o austriaca, raccolte nell’Isonzo raccontano in questa mimica un pianto per un ferro troppo spesso utilizzato per strumenti di guerra. E’ fronte retro, ma non svelo l’altra faccia.
Materiali utilizzati: ferro, ottone, legno trattato con olio di lino cotto.
Dimensioni: H 55 cm - base 40 cm.
Anno: 2010

9) Isolata
Descrizione: un vecchio isolatore di una linea elettrica in ceramica, un ferro da stiro, un  tondino di ferro, un anello trovato fissato ad una pietra di una stalla e probabilmente utilizzato per legare qualche animale, compongono questa figura, appunto, Isolata.
Materiali utilizzati: isolatore in ceramica, ferro da stiro, ferro.
Dimensioni: H 65 cm - base 15 cm.
Anno: 2010

10) Preoccupato
Descrizione:  un ferro da stiro del secolo scorso, fa da base per questa scultura che ha assunto un’espressione seria e preoccupata e così l’ho lasciata, con i suoi pensieri. Le mani sono mobili, come la testa.
Materiali utilizzati: ferro, mattone cotto levigato dall’Isonzo.
Dimensioni: H 70 cm - base 15 cm.
Anno: 2010

11) Prigioniero
Descrizione; una forca a due denti dismessa, una cerniera, dei movimenti snodati di vecchie finestre e catene, assemblati per rappresentare un irriverente e non domato prigioniero. La scultura ha parti mobili e può essere sistemata a piacimento. Trattata con olio di lino cotto e terre naturali.
Materiali utilizzati: legno, ferro, molla di acciaio, rame.
Dimensioni: H cm 35 - base 30 cm
Anno: 2010

12) Salice
Descrizione: un tronco di salice e dei pezzi di lamiera lo circondano, che non toccano in nessun punto il legno e assemblate con borchie in ferro. Si appende con facilità e sicurezza. Permette la sola visione frontale.
Materiali utilizzati: legno, ferro.
Dimensioni: H 140 cm - base 50 cm
Anno: 1997

13) Schegge dell’Isonzo
Descrizione: ispirata dal racconto di Emilio Lussu, Un anno sull’Altopiano. dove descrive con chiarezza il dramma di un bombardamento. Un tentativo di mostrare, nella staticità, la violenza e le forme del materiale che compone un’esplosione di granata con schegge e pietre trovate sul greto dell’Isonzo, teatro di 11 sanguinose battaglie.
Materiali utilizzati: fil di ferro, schegge, pietre, legno. E' in scala 1: 1000.
Dimensioni: H 65 cm - base 25 cm
Anno: 2010

14) Senzatitolo
Descrizione: una vecchia lamiera tagliata ritrovata tra le rovine di una casa, probabilmente usata per cucinare e due ferri verticali di una vecchia grata, hanno dato lo spunto per la creazione di due volti in fronte retro. Trattata con olio di lino cotto.
Materiali utilizzata: Ferro, rame, ottone, legno.
Dimensioni: H 65 cm - base 40
Anno: 2010

15) Siccità
Descrizione: il tema della siccità e della gestione dell’acqua è sempre di attualità, oggi più che mai e quando ho trovato sul greto del fiume Isonzo questo sifone in ferro, levigato dalla corrente del fiume, ho inserito i tubi in rame e i rubinetti in ottone, per esprimere questo racconto.
Le molle rappresentano simbolicamente delle tensioni in atto. E’ fronte retro. La base è in legno. Trattata con olio di lino cotto.
Materiale utilizzato: Ferro, rame, ottone, legno, acciaio.
Dimensioni: H 60 cm - base 35 cm
Anno: 2010

16) Soldato
Descrizione: fa parte di una serie di sculture assemblate principalmente con materiale recuperato dal fiume Isonzo, teatro della Prima Guerra Mondiale e tratta il tema della guerra e del reduce. La nazionalità del tipo di elmetto è casuale.
Materiale utilizzato: Elmetto austro-ungarico, chiodi in ferro battuto, cardini, lame da infissi, legno, molle, filo in rame, lampadina e porta lampade in ottone e ceramica; trattata con olio di lino e terra naturale.
Dimensioni: H 100 cm - base 27 cm  
Anno: 2010

17) Torsione
Descrizione: nasce da una serie di studi sull’espressività del fil di ferro in disuso, proveniente dalla viticoltura; in questo caso con l’inserimento di pietra trachite dei Colli Euganei.
Materiale utilizzato: fil di ferro, trachite, legno.
Dimensioni: H 50 cm - base 30 cm
Anno: 1997

18) Volto
Descrizione: nasce dalla forma di un arruginito e pensionato badile trovato tra le rovine di una vecchia casa,  così come i chiodi in ferro battuto e il materiale con la quale è assemblata. Ha un fronte retro che rende possibile una visione a 360 gradi. Trattata con olio di lino cotto.
Materiale utilizzato: un badile, chiodi in ferro battuto, piccole maniglie, decori in ottone.
Dimensioni: H, 40 cm - base, 30 cm
Anno: 2010